fbpx

Scegli la guida giusta per te

Ognuno vuole affrontare il processo della ristrutturazione in modo diverso e ho cercato di offrire a ognuno le risorse per farlo.
i 7 errori della ristrutturazione
BASIC

Informato

Gratis
Manuale ristrutturazione
EXCLUSIVE

Preparato

59,99 €
manutenzione casa post ristrutturazione

Prevenire danni e problemi in casa con il Manuale di Manutenzione: come fare la Checklist con i controlli e gli interventi indispensabili

Ogni casa deve essere oggetto di regolare manutenzione. A maggior ragione deve esserlo una casa appena ristrutturata. Nel mio manuale “Ristruttura la tua casa in 7 passi”, il settimo ed ultimo passaggio della ristrutturazione vede proprio nella manutenzione costante e programmata il modo di prendersi cura della propria casa. E [continua a leggere...]

Indice

Ogni casa deve essere oggetto di regolare manutenzione. A maggior ragione deve esserlo una casa appena ristrutturata. Nel mio manuale “Ristruttura la tua casa in 7 passi”, il settimo ed ultimo passaggio della ristrutturazione vede proprio nella manutenzione costante e programmata il modo di prendersi cura della propria casa. E ml miglior modo per prendersi cura della casa è creare un Manuale di Manutenzione della Casa.

7 errori della ristrutturazione

Il manuale di manutenzione della casa non è una guida che ti spiega come tenerla pulita o come riuscire a mantenere l’ordine al suo interno: quello lo lasciamo alle decine di articoli e libretti che ti spiegano l’ovvio. La manutenzione regolare di un immobile è un processo proattivo e pianificato che coinvolge i vari elementi della propria casa, a partire dall’involucro (muri perimetrali, infissi, tetto), passando per gli impianti tecnologici fino ad arrivare alla cura di finiture e superfici: ogni elemento della tua casa ha specifiche esigenze di manutenzione che, se trascurate, possono portare a costose riparazioni o riduzioni del valore immobiliare nel tempo. E fare la manutenzione richiede attenzione ai dettagli e conoscenza delle diverse componenti della tua casa.

Lo scopo della manutenzione non è tanto mantenere la casa bella, quanto mantenerla efficiente. Che significa risparmiare in costose riparazioni e tenere sotto controllo i consumi (e quindi le bollette). Gestire una casa infatti costa, e trascurarla la farà costare ancora di più. Considera la manutenzione come un investimento nella longevità e nella qualità della tua casa.

Mi rendo conto che la questione della manutenzione sia un argomento abbastanza sottovalutato: solitamente l’unica manutenzione programmata che viene fatta è la verifica annuale della caldaia, prima dell’accensione dell’impianto di riscaldamento. Ma in realtà ci sarebbe molto di più da fare e nei prossimi paragrafi proveremo ad approfondire quali potrebbero essere le problematiche delle parti principali di una casa, e quali interventi di manutenzione sistematici aiutano a prevenirle in modo efficace.

In tutto ciò vorrei cominciare col porre l’attenzione su un documento che dovrebbe accompagnare ogni casa, in particolare se nuova o ristrutturata, ma che imprese e tecnici non pensano mai di fornire ai propri clienti (mi ci metto anche io…): ti sto parlando del Manuale di Manutenzione.

Il Manuale di Manutenzione della tua Casa: lo strumento che potrebbe salvarti da spese inaspettate

manuale di manutenzione della casa

Per chi come se si occupa anche di progettazione di opere pubbliche, sa benissimo che uno dei documenti che deve allegare al progetto esecutivo è il Piano di manutenzione dell’opera: un documento formato da più parti in cui sono dettagliati gli interventi di manutenzione che andrebbero effettuati, chi li deve effettuare e come devono essere effettuati.

Si tratta di documenti potenzialmente utilissimi ma che hanno un difetto: chi li redige alle volte (quasi sempre) lo fa senza prestarci molta attenzione, quindi sono incompleti, scritti male e poco attuabili, e chi dovrebbe attuarli (i proprietari degli immobili…le amministrazioni pubbliche cioè) non ci pensa minimamente a seguire le indicazioni al suo interno: vengono acquisiti agli atti perché obbligatori e poi vengono messi via e mai più tirati fuori.

Lasciando perdere quello che succede nel settore pubblico, anche i privati dovrebbero (sebbene non obbligati) dotarsi di un Piano di Manutenzione quando costruiscono o ristrutturano un edificio o una casa.

Ristrutturazione

Siccome non troverai una sola impresa o tecnico che lo farà, nei prossimi paragrafi proviamo a delineare cosa dovrebbe contenere un buon Manuale di Manutenzione della tua casa. Un manuale ben strutturato diventa una guida indispensabile per preservare la funzionalità e l’estetica di ogni angolo del tuo rifugio.

La buona notizia è che con un po’ di impegno è facile creare questo manuale. La cattiva è che dovrai fartelo da solo perché difficilmente qualcuno lo farà per te.

Come Strutturare il Manuale

Vediamo brevemente in quali sezioni dovrebbe essere strutturato il manuale di manutenzione della tua casa

Descrizione Dettagliata dell’immobile:

Nella prima sezione deve essere indicato tutto quello che serve per individuare l’immobile sia dal punto di vista descrittivo che grafico, oltre che le principali figure di riferimento.

Per quanto riguarda i dati dell’immobile andrebbero inseriti, oltre all’indirizzo, la superficie e i vani presenti.

Inoltre dovrebbe essere inserita la storia edilizia dell’immobile, almeno quella di cui si è a conoscenza: riferimento dei permessi di costruire con cui è stato realizzato e di tutte le pratiche che hanno portato all’attuale situazione. Questi documenti, se non inseriti nel libretto stesso, andrebbero conservati in modo completo a parte.

Naturalmente vanno anche definiti gli estremi catastali dell’immobile e anche in questo caso la sua evoluzione (chiedere una visura catastale storica è un’operazione abbastanza banale ed immediata).

A tutti questi dati dovrebbero essere allegate le planimetrie architettoniche e catastali dell’immobile.

Inoltre è essenziale individuare tutte le figure di riferimento. Siccome immaginiamo che questo manuale venga redatto a valle di un intervento di ristrutturazione, le figure principali sono:

  • Il progettista
  • Il progettista delle strutture (eventuale)
  • Il progettista degli impianti (eventuale)
  • L’impresa che ha eseguito le opere
  • Gli artigiani che hanno collaborato all’esecuzione delle opere (elettricisti, idraulici, etc.)
  • Chi ha eseguito tutte le forniture.

Di tutte queste figure devi indicare anche i contatti perché saranno le persone che devi chiamare in caso di guasti o problemi dovrai contattarli (in particolare imprese, artigiani e fornitori)

Unità Tecnologiche e Sistemi

Nella parte successiva dovrai fare un elenco completo di tutti gli elementi principali che compongono il tuo immobile: a partire da come sono fatte le murature esterne (se lo sai), agli infissi, agli impianti. Ecco un elenco sintetico che può essere utile per una ristrutturazione:

  • Caratteristiche degli infissi interni ed esterni
  • Caratteristiche dell’isolamento (se conosciuto)
  • Caratteristiche delle murature interne (la stratigrafia)
  • finiture interne (pavimenti e rivestimenti, etc.)
  • impianto elettrico
  • impianto di riscaldamento/condizionamento
  • impianto idrico

Altre possibili porzioni di edificio da inserire in questo elenco sono: le strutture portanti verticali (pilastri) ed orizzontali (travi e solai), la copertura, eventuali impianti ascensore, etc.

Di ognuno di questi elementi dovrai inserire più dati: a parte una breve descrizione sintetica per delinearne le caratteristiche principali, dovrai inserire anche le caratteristiche tecniche dei componenti principali ricavate dalle schede tecniche (ad esempio per il generatore di calore marca, modello, potenza, etc.). Dovresti poi inserire gli estremi delle dichiarazioni di conformità degli impianti.

Questo per quanto riguarda la descrizione dei componenti della casa. A ciò devi aggiungere una serie di allegati:

  • schede tecniche e certificazioni
  • libretti di manutenzione e uso
  • copia delle dichiarazioni di conformità
  • schemi grafici degli impianti (forniti da chi li ha eseguiti e/o progettati)

L’insieme di queste due prime sezioni ti da una visione completa del tuo immobile, a cui puoi fare riferimento quando ti serve qualche informazione che non ti ricordi e che consente a tutti di avere subito una visione chiara del tuo immobile (per tutti intendo chi vive con te, chi dovrà intervenire per risolvere guasti o chi acquisterà il tuo immobile in futuro).

Piano delle manutenzioni programmate

L’elemento successivo del tuo manuale di manutenzione è una pianificazione con le manutenzioni e i controlli programmati, da eseguire periodicamente.

Questa probabilmente è la parte più importante di tutto il manuale perché ti indica in modo sistematico quali sono i controlli le operazioni da eseguire per ogni parte della casa (almeno quelle più importanti).

Per creare una checklist di controlli efficace:

  1. Identifica le Aree Chiave: Suddividi la tua casa in aree chiave come esterno, interno, impianti elettrici, idraulici, riscaldamento e condizionamento.
  2. Stabilisci la Frequenza: Determina la frequenza delle operazioni di manutenzione. Alcune attività possono essere necessarie mensilmente, altre semestralmente o annualmente.
  3. Assegna Priorità: Distingui tra attività di manutenzione urgenti e quelle meno critiche, assegnando una priorità in base all’urgenza e all’importanza.
  4. Documenta: Tieni traccia delle manutenzioni già effettuate e di quelle pianificate, inclusi i dettagli dei tecnici o delle ditte intervenute.

Ecco un esempio di come potrebbe essere strutturata la tua checklist annuale, basata sulla stagionalità:

Primavera:

  • Pulizia delle grondaie e controllo del tetto.
  • Verifica del funzionamento dell’impianto di condizionamento.
  • Ispezione e manutenzione del giardino e degli spazi esterni.

Estate:

  • Controllo e manutenzione degli infissi e dei sistemi oscuranti.
  • Pulizia dei filtri dell’impianto di condizionamento.
  • Ispezione e, se necessario, trattamento delle superfici esterne.

Autunno:

Ristrutturazione
  • Preparazione dell’impianto di riscaldamento per l’inverno.
  • Verifica dell’isolamento e delle guarnizioni di porte e finestre.
  • Manutenzione del sistema idrico per prevenire congelamenti.

Inverno:

  • Controllo delle tubature per prevenire congelamenti e rotture.
  • Ispezione regolare del tetto per rilevare accumuli di neve o ghiaccio.
  • Verifica dell’efficienza energetica e dell’isolamento interno.

Questa chiaramente non può essere una checklist completa perché è strettamente legata alle caratteristiche specifiche della tua casa. Di sicuro è importante aggiungere controlli regolari degli impianti elettrici e idraulici, oltre alla manutenzione ordinaria come la pulizia di filtri e la lubrificazione di serrature e cerniere degli infissi. Se hai installato prodotti di buona qualità ti sono stati forniti degli specifici manuali di manutenzione che ti spiegano come e quando fare tali operazioni.

Una checklist annuale ben organizzata è un ottimo strumento per mantenere la tua casa sicura, efficiente e confortevole. Ti aiuta a prevenire problemi prima che si manifestino e assicura che la tua abitazione rimanga un luogo accogliente e funzionale per te e la tua famiglia.

Guida alla Rilevazione di Anomalie

Un’altra parte importante che dovrebbe essere presente all’interno del tuo manuale di manutenzione della casa è una sorta di guida con cui puoi rilevare le anomalie degli impianti e delle parti edili dell’edificio.

In sostanza questa guida ti aiuta ad identificare potenziali problemi e malfunzionamenti in modo proattivo. Ad esempio, anomalie nell’impianto di riscaldamento o segni di umidità possono indicare la necessità di interventi tempestivi.

Questa parte è fondamentale per il tuo manuale di manutenzione ed è probabilmente la cosa più complessa da costruire perché strettamente legato alle caratteristiche di quello che hai installato in casa. Spesso nei manuali di installazione degli apparecchi elettronici ci sono delle specifiche in merito alle possibili anomalie e alle modalità di individuazione. Quelle sarebbero informazioni fondamentali da inserire in questa parte del manuale, ma ci sono anche altri aspetti più generici di cui dovresti tenere conto.

Nei prossimi paragrafi, senza avere la pretesa di essere esaustivi, cercherò di darti alcune linee guida per i principali elementi presenti nella tua casa.

7 errori della ristrutturazione

Principali controlli e manutenzioni da eseguire regolarmente in una casa

Dopo aver delineato i contenuti del manuale di manutenzione personalizzato della tua casa ristrutturata proviamo ad esplorare più a fondo gli aspetti specifici della manutenzione. In questo capitolo ci concentreremo su alcune aree chiave che richiedono una cura e attenzione particolari per mantenere la tua casa in perfette condizioni. Non affronteremo tutti gli aspetti ma parleremo di:

Involucro:

  • Infissi e sistemi oscuranti: Approfondiremo come mantenere porte e finestre in condizioni ottimali, prevenendo dispersioni di calore e mantenendo la sicurezza.
  • Isolamento: l’isolamento è forse l’elemento più importante per l’efficienza energetica, vedremo come verificare il buono stato di manutenzione dell’isolamento.
  • Tetto: sebbene non sia un problema di tutti (chi vive in condominio solitamente non ce l’ha), scopriremo come mantenere il tetto in buone condizioni, prevenendo danni e garantendo una protezione efficace per la tua casa.

Impianti:

Divideremo l’analisi degli impianti nei tre principali: elettrico, riscaldamento e idrico-sanitario. Esamineremo le migliori pratiche per la manutenzione di questi impianti cruciali, garantendo sicurezza e efficienza.

Manutenzione degli Infissi e dei Sistemi Oscuranti

manuale di manutenzione della casa: le finestre

Gli infissi e i sistemi oscuranti, come persiane, tapparelle o tende, sono elementi cruciali per il comfort e la sicurezza della tua casa. Tuttavia, possono presentare problemi comuni che richiedono attenzione. Tra questi:

  • Usura e Corrosione: Sia gli infissi in legno che quelli in metallo possono soffrire di usura e corrosione, soprattutto in ambienti esposti a umidità o variazioni climatiche estreme.
  • Problematiche nelle Guarnizioni: Le guarnizioni degli infissi possono indurirsi, rompersi o distaccarsi, compromettendo l’isolamento termico e acustico.
  • Malfunzionamenti nei Sistemi Oscuranti: Le tapparelle e le persiane possono avere problemi di alzata e discesa, mentre le tende possono avere meccanismi di apertura e chiusura danneggiati.

Rilevazione e Prevenzione dei Problemi

Per rilevare e prevenire problemi comuni:

  • Ispezioni Regolari: Esegui ispezioni visive regolari per identificare segni di usura o danni. Controlla i serramenti per rilevare crepe, distaccamenti o corrosione e verifica l’integrità delle guarnizioni.
  • Lubrificazione: Mantieni i meccanismi di apertura/chiusura degli infissi e dei sistemi oscuranti ben lubrificati per assicurare un funzionamento fluido e prevenire l’usura precoce.
  • Pulizia: Pulisci regolarmente infissi e sistemi oscuranti da polvere, sporco e detriti che possono accumularsi e causare problemi di funzionamento.

Manutenzione di Porte e Finestre

Per mantenere porte e finestre in ottimo stato:

  • Trattamento Superfici: Applica trattamenti protettivi su infissi in legno per prevenire danni da umidità e insetti. Le vernici sui nuovi infissi sono garantiti anche oltre 10 anni…ma non vale lo stesso per le vecchie vernici! Per quelli in metallo o PVC, usa prodotti specifici che proteggono dal deterioramento e dalla corrosione. Per fortuna di solito l’alluminio, essendo anodizzato, non soffre di problemi di corrosione.
  • Regolazione e Allineamento: Regola e allinea regolarmente serramenti e sistemi oscuranti per garantire una chiusura ermetica e un funzionamento ottimale. I nuovi infissi forniti da produttori certificati spesso sono dotati di manuali che ti spiegano come farlo.
  • Sostituzione Guarnizioni: Sostituisci guarnizioni vecchie o danneggiate per mantenere l’efficacia dell’isolamento.

Chiaramente non sono tutte cose che puoi fare in prima persona, valuta caso per caso quello di cui puoi occuparti in prima persona e quello che dovrai delegare.

Gestione di Guasti e Danni Importanti

In caso di guasti o danni importanti:

  • Valutazione del Danno: Valuta l’entità del danno per determinare se è possibile una riparazione o se è necessaria la sostituzione.
  • Consultazione di Esperti: In caso di danni complessi o estesi, consulta esperti o tecnici specializzati per una valutazione accurata e per determinare il corso d’azione più appropriato. (lo so che è banale dirlo… ma purtroppo troppo spesso vedo persone che si cimentano in riparazioni fai-da-te causando ancora più danni)
  • Interventi Tempestivi: Non rimandare gli interventi di riparazione o sostituzione, poiché ritardare può portare a ulteriori danni e costi maggiori.

La manutenzione regolare degli infissi e dei sistemi oscuranti è essenziale per garantire non solo l’estetica ma anche la funzionalità e la sicurezza della tua casa. Un’attenta manutenzione previene problemi, assicura una maggiore durata e mantiene un ambiente domestico confortevole e sicuro.

Isolamento e Efficienza Energetica

manutenzione dell'isolamento termico della casa

Un buon isolamento termico è il primo modo con cui ridurre i costi energetici, migliorare il comfort abitativo e ridurre l’impatto ambientale. Con la ristrutturazione di una casa è possibile intervenire su questo aspetto (anche in caso di appartamento in condominio). Ma una volta installato l’isolamento è importante monitorare anche questo elemento.

A tal fini è importante considerare i vari tipi di isolamento:

  • Cappotto Esterno: L’isolamento a cappotto esterno è efficace per ridurre le perdite termiche e migliorare l’efficienza energetica. Verifica che non ci siano crepe o danni nel rivestimento esterno e che l’isolamento sia continuo e uniforme attorno all’intero edificio.
  • Cappotto Interno: Per l’isolamento a cappotto interno, controlla che i materiali isolanti siano installati correttamente e che non ci siano ponti termici o zone non isolate. Verifica anche che l’isolamento non comprometta la ventilazione interna.
  • Intercapedine: Nell’isolamento in intercapedine, assicurati che lo spazio tra le pareti esterne e interne sia riempito in modo uniforme con materiale isolante. Verifica che non ci siano zone dove l’isolante si sia assestato o deteriorato.

Mi rendo conto come non siano cose facili da controllare sia in fase di installazione ma soprattutto di esercizio. Sicuramente i controlli principali devono essere fatti durante la realizzazione dell’isolamento ed è importante avvalersi di tecnici qualificati ed esperti per farlo.

Isolamento del Tetto

L’isolamento del tetto è altrettanto importante. Un tetto mal isolato può essere una delle maggiori fonti di perdita di calore in una casa. Assicurati che l’isolamento sia intatto e che copra uniformemente tutta l’area del tetto. Per ulteriori approfondimenti su questo argomento, ti invito a consultare il capitolo dedicato alla manutenzione del tetto.

Una buona pratica per verificare l’efficacia dell’isolamento è fare attenzione a eventuali variazioni nella distribuzione del calore in casa, segni di condensa sulle pareti o sul soffitto e bozze di aria fredda. Questi possono essere indicatori di aree dove l’isolamento è insufficiente o danneggiato.

Cura e Manutenzione del Tetto

operaio manutenzione tetto

Il tetto è un componente critico di qualsiasi struttura abitativa, con un ruolo fondamentale nella protezione dagli agenti atmosferici e nell’isolamento termico e acustico: la manutenzione del tetto è un aspetto spesso sottovalutato ma di fondamentale importanza. Chiaramente non riguarda direttamente gli appartamenti in condominio (tranne quelli agli ultimi piani), in ogni caso spendiamoci qualche parola.

Dopo una ristrutturazione, è essenziale assicurarsi che il tetto sia in condizioni ottimali, poiché anche piccoli difetti possono portare a gravi problemi strutturali e influenzare negativamente l’abitabilità dell’edificio.

Tipologie di Danni al Tetto

La tipologia del tetto gioca un ruolo cruciale nella tipologia dei danni che possono verificarsi e nelle strategie di manutenzione:

Tetti Piani (Non Praticabili e Praticabili):

  • I tetti piani sono particolarmente suscettibili a problemi di ristagno dell’acqua, che possono portare a infiltrazioni e danni alla struttura sottostante.
  • La formazione di crepe o bolle nel manto di copertura è un altro problema comune, spesso causato da variazioni termiche o movimenti strutturali.
  • Nei tetti praticabili, l’usura dovuta al traffico pedonale può accelerare la necessità di manutenzione.

Tetti a Falde:

  • Nei tetti a falde, i danni più frequenti includono tegole rotte o spostate, che possono causare infiltrazioni d’acqua.
  • La deteriorazione delle guaine e dei sistemi di drenaggio (come gronde e scossaline) può compromettere l’efficacia del tetto nell’allontanare l’acqua.
  • Problemi legati alla vegetazione, come l’accumulo di foglie o la crescita di muschi, possono ostruire i canali di scolo e trattenere l’umidità.

Consigli per Controlli Periodici e Manutenzione

La manutenzione del tetto richiede controlli regolari e una manutenzione proattiva. Questi controlli dovrebbero includere un’ispezione visiva per identificare danni a tegole, guaine, gronde e qualsiasi segno di infiltrazioni o danni strutturali. La verifica post-eventi meteorologici estremi è fondamentale, soprattutto in presenza di forti venti, nevicate o piogge intense.

Per la manutenzione, specialmente nei casi più complessi, è sempre consigliabile affidarsi a professionisti nel settore. Una manutenzione del tetto professionale assicura che tutti gli aspetti del tetto siano attentamente ispezionati e riparati, prevenendo così problemi futuri.

Manutenzione degli Impianti Elettrici

manuale di manutenzione della casa: gli impianti elettrici

Dopo la ristrutturazione, è essenziale controllare che tutte le installazioni siano state eseguite secondo le normative vigenti. Questo include la verifica del quadro elettrico, assicurandosi che sia correttamente etichettato e che ogni circuito sia chiaramente identificabile. Controlla inoltre che non ci siano fili scoperti o danneggiati e che tutte le prese e gli interruttori siano ben fissati e funzionanti. Verifica, in particolare, la presenza e la funzionalità degli interruttori differenziali, che sono fondamentali per prevenire il rischio di cortocircuiti e sovraccarichi.

Manutenzioni Regolari

Per quanto riguarda la manutenzione regolare degli impianti elettrici, ci sono diversi aspetti da considerare:

  • Ispezioni: Eseguire controlli visivi periodici di prese, interruttori, fili e fusibili per identificare segni di usura o danneggiamento. Controlla anche eventuali segni di surriscaldamento intorno a prese e interruttori.
  • Operazioni di Manutenzione (Proprietario):
    • Sostituzione di prese o interruttori danneggiati o obsoleti.
    • Verifica e sostituzione di fusibili.
  • Operazioni di Manutenzione (Tecnico Specializzato):
    • Ispezione e test del quadro elettrico.
    • Controllo dei carichi sui circuiti per prevenire sovraccarichi.
    • Revisione e sostituzione di componenti obsoleti o non conformi.

Identificazione dei Rischi

La manutenzione degli impianti elettrici include anche l’identificazione e la gestione dei rischi potenziali:

  • Sovraccarico dei Circuiti: Evitare di sovraccaricare le prese elettriche e controllare periodicamente che non ci siano segni di sovraccarico, come scaldamento eccessivo delle prese.
  • Dispositivi Obsoleti o Non Conformi: Sostituire dispositivi elettrici vecchi o non conformi alle normative di sicurezza attuali.
  • Esposizione a Fonti di Umidità o Calore: Assicurarsi che i fili e le prese non siano esposti a fonti di umidità o calore eccessivo, che possono aumentare il rischio di cortocircuiti.
  • Segni Visibili di Deterioramento: Includono scolorimento intorno a prese o interruttori, odore di bruciato, o scintille.

La manutenzione regolare e l’identificazione proattiva dei rischi sono fondamentali per garantire che il sistema elettrico della tua casa funzioni in modo sicuro ed efficiente. Affidarsi a un tecnico specializzato per le verifiche e le manutenzioni più complesse è essenziale per mantenere il sistema elettrico al massimo delle sue prestazioni e proteggere la sicurezza della tua abitazione.

Manutenzione degli Impianti Idrico-Sanitari

Dopo una ristrutturazione, è importante controllare che tutti gli elementi dell’impianto siano stati installati e configurati correttamente. Questo include l’ispezione di rubinetterie, sanitari, tubature e raccordi per assicurarsi che non ci siano perdite, ostruzioni o danni.

Manutenzioni Regolari

Le manutenzioni regolari degli impianti idrico-sanitari includono:

  • Ispezioni: Controlli visivi periodici di rubinetti, docce, WC e altri apparecchi sanitari per rilevare perdite, ostruzioni o danni ai materiali. Verifica anche lo stato delle tubature e la presenza di eventuali segni di corrosione o calcificazione.
  • Operazioni di Manutenzione (Proprietario):
    • Sostituzione di guarnizioni e aeratori dei rubinetti.
    • Pulizia periodica dei filtri nelle rubinetterie e dei sifoni.
    • Monitoraggio e pulizia delle griglie di scarico.
  • Operazioni di Manutenzione (Tecnico Specializzato):
    • Ispezione e manutenzione di scaldabagni o caldaie.
    • Controllo e manutenzione di pompe e impianti di sollevamento.
    • Interventi su tubature interne e sistemi di scarico complessi.

Identificazione dei Rischi

L’identificazione dei rischi nell’ambito degli impianti idrico-sanitari è cruciale per prevenire danni maggiori:

  • Perdite e Infiltrazioni: Verifica regolare per rilevare perdite, specialmente in aree nascoste come vani sotto i lavandini o dietro i WC. Le perdite non rilevate possono causare danni strutturali e favorire la formazione di muffa.
  • Ostruzioni nei Sistemi di Scarico: Presta attenzione a segni di ostruzioni, come drenaggi lenti o rumori insoliti nei tubi, che potrebbero indicare la necessità di un intervento.
  • Corrosione e Usura dei Materiali: Monitora lo stato delle tubature e dei raccordi per segni di corrosione o usura, che possono ridurre l’efficienza dell’impianto e aumentare il rischio di guasti.
  • Calcare e Accumulo di Sedimenti: In aree con acqua dura, l’accumulo di calcare può ridurre l’efficienza degli apparecchi e aumentare il rischio di danni. La manutenzione regolare e l’utilizzo di addolcitori possono aiutare a prevenire questi problemi.

Una manutenzione attenta e periodica, combinata con l’intervento di professionisti qualificati per le operazioni più tecniche, è fondamentale per garantire l’efficienza e la sicurezza degli impianti idrico-sanitari della tua casa. Questa pratica non solo assicura il comfort e la funzionalità del tuo ambiente domestico ma contribuisce anche a prevenire problemi più gravi e costosi in futuro.

Manutenzione dell’Impianto di Riscaldamento e Condizionamento

manutenzione dell'impianto di riscaldamento

L’impianto di riscaldamento e condizionamento di casa sono tra i più delicati: un loro malfunzionamento può metterti in crisi durante le fredde giornate invernali o i lunghi e afosi periodi estivi. Chiaramente, soprattutto dal punto di vista del riscaldamento, c’è una differenza sostanziale tra un impianto vecchio e uno moderno: il primo è solitamente molto semplice (e poco efficiente), mentre il secondo è complesso e metterci mano non è mai banale. Di base devi assicurarti che tutti i componenti, dalle caldaie ai termosifoni e alle unità di condizionamento, siano regolarmente controllati e mantenuti (da tecnici specializzati) per garantire il loro funzionamento ottimale e la sicurezza della tua abitazione.

Manutenzioni Regolari

Per l’impianto di riscaldamento e condizionamento, è essenziale seguire un programma di manutenzioni regolari:

  • Ispezioni: Eseguire controlli visivi delle caldaie, dei radiatori e delle unità di condizionamento per individuare segni di usura, corrosione o danni.
  • Operazioni di Manutenzione (Proprietario):
    • Pulizia periodica dei filtri delle unità di condizionamento.
    • Sfiato dell’aria dai termosifoni per assicurare l’efficienza del riscaldamento.
    • Monitoraggio e regolazione della pressione della caldaia, se necessario.
  • Operazioni di Manutenzione (Tecnico Specializzato):
    • Controllo annuale e manutenzione della caldaia.
    • Verifica e manutenzione del sistema di climatizzazione, inclusa la ricarica del gas refrigerante.
    • Ispezione e pulizia dei condotti e delle tubature.

Identificazione dei Rischi

La manutenzione include anche l’identificazione e la gestione dei rischi potenziali:

  • Malfunzionamenti della Caldaia: Segni come rumori insoliti, perdite di acqua o difficoltà nell’accensione possono indicare problemi che necessitano di un intervento immediato.
  • Ostruzioni nei Condotti e Filtri: Filtri e condotti ostruiti possono ridurre l’efficienza del sistema e incrementare i consumi energetici.
  • Perdite di Gas Refrigerante: Le perdite nel sistema di condizionamento possono compromettere l’efficienza e rappresentano un rischio per la sicurezza.
  • Corrosione e Usura dei Componenti: La corrosione nei radiatori e nelle tubature può causare perdite e inefficienze del sistema.

Una manutenzione attenta e periodica, sia autonoma (ove possibile) che affidata a tecnici specializzati, è essenziale per il mantenimento di efficienza e sicurezza del tuo impianto di riscaldamento e condizionamento. Questo approccio previene non solo costose riparazioni future, ma assicura anche un ambiente domestico confortevole e sicuro.

Esempio di Checklist Annuale di Manutenzione

Abbiamo detto che creare una checklist annuale di manutenzione per la tua casa è fondamentale per assicurare che tutte le operazioni necessarie siano svolte regolarmente e in modo efficiente. Infatti ricordarsele, soprattutto in una casa moderna, può essere difficile, soprattutto con tutti i pensieri di ogni giorno. Una pianificazione ben strutturata ti permette di tenere traccia delle attività, prevenire problemi e mantenere la tua casa in condizioni ottimali.

Abbiamo già visto come creare una checklist, qui voglio dartene un esempio, molto semplificato, che può farti da traccia per creare la tua personale.

Ispezione

Mese

Operazioni Pratiche

Grondaie e Tetto

Marzo

– Pulizia delle grondaie.

– Controllo tegole e guaine.- Verifica di eventuali danni o ostruzioni.

Impianto di Condizionamento

Aprile

– Verifica del funzionamento.

– Pulizia dei filtri.- Controllo dei livelli di gas refrigerante.

Giardino e Spazi Esterni

Maggio

– Manutenzione del prato.
– Controllo delle recinzioni.
– Verifica dell’irrigazione.

Infissi e Sistemi Oscuranti

Giugno

– Controllo serrature e guarnizioni.
– Lubrificazione meccanismi.
– Pulizia e controllo delle tapparelle o persiane.

Filtri Impianto di Condizionamento

Luglio

– Pulizia o sostituzione dei filtri.

– Verifica del drenaggio condensa.

Superfici Esterne

Agosto

– Pulizia facciate.- Trattamento antiumidità.- Controllo delle pavimentazioni esterne.

Impianto di Riscaldamento

Settembre

– Controllo della caldaia.- Sfiato termosifoni.- Verifica pressione dell’impianto.

Isolamento di Porte e Finestre

Ottobre

– Controllo delle guarnizioni.- Verifica dell’isolamento termico.- Eventuale sostituzione di parti danneggiate.

Sistema Idrico

Novembre

– Isolamento delle tubature esterne.

– Controllo rubinetterie.- Prevenzione congelamento tubature.

Tubature

Dicembre

– Ispezione per prevenire congelamenti.

– Controllo dei riscaldatori di tubature.- Verifica dello scarico.

Tetto

Gennaio

– Rimozione di neve o ghiaccio accumulato.
– Controllo dopo eventi atmosferici estremi.

– Verifica dell’isolamento.

Efficienza Energetica

Febbraio

– Controllo dei consumi energetici.

– Verifica dei sistemi di isolamento interno.- Controllo delle tenute termiche.

Conclusione

In questo articolo abbiamo parlato di qualcosa di diverso dal solito (almeno per questo blog): la manutenzione della casa è un aspetto importante, anche e soprattutto per una casa appena ristrutturata. Ma è anche un aspetto spesso sottovalutato. Eppure come si fa il check-up regolare alla macchina nuova (il tagliando), va fatto anche alla casa. Solo che per la macchina la porti in officina e ci pensa il meccanico a fare tutto…per la casa devi fartelo da solo. E ricordarsi tutto quello da controllare potrebbe essere complesso. Così come sapere cosa e come guardarlo.

Non puoi nemmeno affidare questa manutenzione ad una persona esterna: una casa è un insieme di cose diversissime tra loro che richiedono specializzazioni differenti: un elettricista non verrà mai a farti il check-up e la manutenzione dell’impianto di riscaldamento o degli infissi. Quindi devi imparare ad arrangiarti (anche per chiamare i tecnici giusti al momento giusto…), e per farlo in modo efficace dovresti dotarti di un documento importante: il manuale di manutenzione della casa.

Lo so che è qualcosa di cui probabilmente non hai mai sentito parlare. Il motivo è che sostanzialmente in ambito residenziale non esiste (si parla da anni del libretto del fabbricato da rendere obbligatorio per legge…ma ancora nulla). Però è uno strumento che potrebbe essere fondamentale per prevenire spiacevoli spese impreviste e far durare più a lungo la tua casa (fare meno ristrutturazioni per intenderci!).

In questo articolo abbiamo provato ad alzare un po’ il velo su questo documento. Non siamo stati esaustivi (cosa impossibile), ma spero di averti messo un po’ di curiosità così che potrai approfondire ulteriormente l’argomento e cominciare a crearti il manuale di manutenzione della tua casa.

7 errori della ristrutturazione

ristruttura la tua casa in 7 passi

Il manuale che ti spiega nel dettaglio l'unico processo di ristrutturazione corretto e come metterlo in pratica passo-passo per ottenere la ristrutturazione perfetta per casa tua, controllare i costi, evitare fregature.
Il più completo

Procedure per le ristrutturazioni edilizie residenziali

Sei un professionista o un'impresa? Acquista subito il mio libro sui procedimenti edilizi per gestire correttamente le ristrutturazioni di case e appartamenti.
Su Amazon

Ultimi articoli:

Ti è piacciuto questo articolo? Lasciami un like o condividilo →

Processing...

Vuoi evitare gli errori di chi ristruttura casa?

Guida gratuita: i 7 errori della ristrutturazione

i 7 errori mockup
Compila il form e scarica la guida

...prima di andartene

Ti interessa un libro che ti spieghi come pianificare e gestire la tua ristrutturazione?

Ristrutturazione Roadmap

Le indicazioni passo-passo per la ristrutturazione di casa tua

Lo trovi su Amazon