fbpx

Scegli la guida giusta per te

Ognuno vuole affrontare il processo della ristrutturazione in modo diverso e ho cercato di offrire a ognuno le risorse per farlo.
i 7 errori della ristrutturazione
BASIC

Informato

Gratis
Manuale ristrutturazione
EXCLUSIVE

Preparato

59,99 €
Fasi della ristrutturazione di una casa

Le fasi della ristrutturazione di una casa: una guida per non sbagliare nulla

In questo articolo, esploriamo le fasi chiave della ristrutturazione di una casa, dal concepimento del design alla selezione dei materiali e dei professionisti, offrendo consigli pratici per una gestione efficace del progetto. Approfondiremo come evitare errori comuni e come ogni decisione può trasformare la tua abitazione, garantendo un risultato che [continua a leggere...]

Indice

In questo articolo, esploriamo le fasi chiave della ristrutturazione di una casa, dal concepimento del design alla selezione dei materiali e dei professionisti, offrendo consigli pratici per una gestione efficace del progetto. Approfondiremo come evitare errori comuni e come ogni decisione può trasformare la tua abitazione, garantendo un risultato che rifletta il tuo stile e soddisfi pienamente le tue aspettative.

L’importanza della pianificazione e dell’esecuzione adeguata della ristrutturazione di una casa è fondamentale per ottenere una ristrutturazione che risponda alle tue aspettative e che non ti faccia perdere il sonno tra costi in continuo aumento e ritardi di mesi: una corretta pianificazione e gestione del progetto sono fondamentali per ottenere risultati soddisfacenti. Ma quasi nessun proprietario di casa che si appresta a ristrutturare sa come affrontare in modo efficace il processo che lo aspetta. In questo articolo esploreremo in dettaglio le diverse fasi coinvolte nella ristrutturazione di una casa e ti fornirò informazioni utili su come pianificare e gestire nel modo corretto il tuo progetto di ristrutturazione.

7 errori della ristrutturazione

Quali sono gli aspetti su cui focalizzarsi per pianificare la ristrutturazione di una casa?

Durante la ristrutturazione di una casa, è cruciale definire i lavori necessari e valutare i costi associati. Questo può comprendere la rimozione di pareti, la ristrutturazione dei bagni o l’installazione di nuovi pavimenti. Ad esempio, se si desidera creare uno spazio più aperto e luminoso, potrebbe essere necessario rimuovere una parete interna per unire due stanze. La definizione dei lavori necessari consente di avere una visione chiara delle modifiche da apportare alla casa.

Una volta definiti i lavori, è importante creare un budget realistico che comprenda i costi dei materiali, i costi di manodopera e (soprattutto) i costi imprevisti. Ad esempio, se si prevede di ristrutturare una cucina, è necessario considerare il costo dei nuovi elettrodomestici, dei mobili e dei materiali da costruzione. Tenere conto dei costi imprevisti, come le problematiche strutturali o le modifiche dell’impianto elettrico, è essenziale per evitare sorprese finanziarie durante tutto il processo di ristrutturazione.

Ottenere i permessi necessari è un altro aspetto fondamentale della pianificazione di una ristrutturazione casa. Infatti a seconda delle modifiche apportate alla divisione interna, alla struttura o all’aspetto esterno della casa, potrebbe essere necessario richiedere una serie di permessi differenti. Ad esempio, se si intende apportare modifiche alla facciata della casa, è sempre necessario presentare una pratica edilizia ed ottenere un’autorizzazione (che potrebbe essere semplicemente un silenzio-assenso). Purtroppo il panorama autorizzativo italiano è abbastanza articolato (sebbene non sia poi così complesso come viene fatto apparire), quindi dovresti sicuramente familiarizzare con le norme e i regolamenti nazionali e locali da rispettare per garantire la conformità del progetto, ma soprattutto dovresti rivolgerti ad un tecnico di fiducia che sia in grado di navigare in modo agevole nel mare di normative italiane.

Selezione dei materiali e dei professionisti

Ristrutturazione casa: la scelta dei progettisti e dell'impresa

La selezione dei materiali giusti per la ristrutturazione della tua casa è essenziale per ottenere risultati di qualità. La scelta dei materiali dipende dallo stile desiderato, dalle esigenze funzionali e dal budget a disposizione. Ad esempio, se desideri un look moderno ed elegante, potrebbe essere opportuno optare per materiali come l’acciaio inossidabile e il vetro. D’altra parte, se preferisci uno stile rustico e tradizionale, il legno potrebbe essere la scelta migliore. Avere le idee chiare sullo stile che darai alla tua casa è essenziale ed è una delle prime cose che devi fare. Il rischio è di ritrovarti con una casa per cui hai speso un mare di soldi ma fredda e senza alcuna personalità. Nel percorso che propongo nel mio manuale “Ristruttura la tua casa in 7 passi” ti guido nella scelta dello stile della casa in due precise fasi:

  • la prima, quella di pianificazione, dove dovrai trovare riferimenti di case, finiture e arredi che ti piacciono;
  • la seconda, con il tuo progettista, in cui vi confronterete, analizzerete i tuoi riferimenti in modo critico, inserendoli all’interno del tuo ambiente, e andrete a vederli e sceglierli negli showroom.

E proprio la scelta dei professionisti qualificati è fondamentale per una ristrutturazione di successo. È consigliabile cercare referenze, valutare i loro precedenti lavori e richiedere preventivi dettagliati prima di prendere una decisione. Questo naturalmente vale sia per i progettisti che per chi realizzerà materialmente i lavori. Ad esempio, se la tua esigenza è solo ristrutturare il bagno, probabilmente non è sufficiente rivolgersi solo ad un idraulico (anche se esperto): potresti cercare un’impresa che sia specializzata nella ristrutturazione di bagni e che abbia al suo interno non solo l’idraulico, ma anche i murotiri e gli elettricisti. Un professionista qualificato può garantire un lavoro di qualità e ridurre al minimo l’incidenza di problemi durante l’esecuzione dei lavori.

La realizzazione dei lavori di ristrutturazione: il cantiere! (finalmente)

Ristrutturazione casa: il cantiere

Finora abbiamo parlato di pianificazione, che può durare mesi. Ma dopo aver pianificato attentamente la ristrutturazione, è il momento di passare all’esecuzione dei lavori. Questa fase richiede un’attenta pianificazione (sto ripetendo troppe volte questa parola!) e coordinazione per garantire un progresso efficiente e una buona gestione del progetto.

Ristrutturazione

La demolizione e la rimozione degli elementi non necessari è praticamente sempre la prima fase dell’esecuzione dei lavori di ristrutturazione. Questo può includere la rimozione dei vecchi mobili, dei pavimenti, di parte o tutte le pareti, ma anche . Ad esempio, se si decide di rinnovare una camera da letto, potrebbe essere necessario rimuovere il vecchio pavimento in moquette e le pareti in carta da parati.

Dopo la demolizione, si passa alla costruzione di nuovi muri e strutture. Questa fase può coinvolgere la creazione di nuove partizioni per modificare la divisione degli spazi, o la costruzione di una struttura per un’aggiunta alla casa esistente (soppalchi, ampliamenti, etc.).

L’installazione degli impianti elettrici, idraulici, di riscaldamento e gas è un’altra fase fondamentale della ristrutturazione casa. Durante questa fase, gli elettricisti e gli idraulici installano i nuovi impianti e collegano i cavi e le tubature necessarie. Ad esempio, se si sta ristrutturando la cucina, è necessario installare nuovi punti luce, prese e tubature per l’acqua.

La realizzazione di massetti e rifiniture delle pareti è un altro passo importante. Durante questa fase, si livellano i pavimenti e si preparano le pareti per la successiva posa dei rivestimenti. Ad esempio, se si decide di installare pavimenti in ceramica nel soggiorno, è necessario preparare il pavimento applicando uno strato di massetto per garantire una base solida.

La posa dei pavimenti e dei rivestimenti segue la fase di preparazione. Questa fase richiede precisione e attenzione ai dettagli per ottenere risultati di qualità. Ad esempio, se si desidera un bagno con una doccia a mosaico, è necessario posare le piastrelle una per una, assicurandosi che siano allineate e livellate correttamente.

Una volta completate le fasi precedenti, si procede con il completamento degli impianti e delle forniture. Questo include l’installazione di accessori per il bagno, come il lavandino e il rubinetto, nonché la connessione all’impianto idraulico. Ad esempio, se si decide di installare una doccia a pioggia, è necessario collegarla correttamente all’impianto idraulico esistente.

Infine, si arriva alla fase di pitturazione e rifiniture finali. Durante questa fase, le pareti vengono dipinte con i colori desiderati e si procede con le ultime rifiniture. Ad esempio, se si desidera un aspetto pulito e moderno per la casa, si può optare per colori neutri e applicare una finitura lucida sulle pareti.

Se vuoi approfondire di più questi aspetti ho scritto un articolo sulle fasi del cantiere di una ristrutturazione: Le 6 fasi del cantiere di ristrutturazione.

7 errori della ristrutturazione

Controllo della qualità e dei tempi di consegna

Il controllo della qualità e dei tempi di consegna è un aspetto fondamentale di ogni progetto di ristrutturazione di una casa. Per garantire la buona riuscita del progetto, è necessario monitorare costantemente l’avanzamento dei lavori e assicurarsi che tutto venga eseguito secondo le specifiche.

Una tecnica comune per monitorare l’avanzamento effettivo del progetto è l’utilizzo del diagramma di Gantt. Questo strumento visivo rappresenta le attività in ordine cronologico, consentendo di visualizzare le dipendenze tra di esse e identificare eventuali ritardi. Ad esempio, se la ristrutturazione coinvolge più stanze, il diagramma di Gantt può aiutare a pianificare l’ordine di esecuzione delle attività e a tenere traccia del progresso.

Quando si realizza un’opera edile (che sia una nuova costruzione o una ristrutturazione), il diagramma di Gantt viene chiamato cronoprogramma e identifica quando deve essere realizzata ogni fase dei lavori e quanto deve durare. Ci sono però un paio di cose che devi sapere:

  1. Nelle ristrutturazioni (e nella maggior parte dei piccoli lavori privati) non viene quasi mai realizzato un cronoprogramma dei lavori ma si concordano genericamente i tempi complessivi di realizzazione delle opere (che dovrebbero essere inseriti nel contratto di appalto);
  2. Il cronoprogramma dovrebbe essere in prima istanza predisposto dal tuo progettista e dovrebbe poi essere rivisto e confermato dall’impresa che realizzerà la ristrutturazione;
  3. In un lavoro complesso come una ristrutturazione pretendere di rispettare perfettamente il cronoprogramma è pura follia. Ci sono troppe variabili in gioco perché siano rispettati i tempi di ogni singola lavorazione, è più semplice rispettare i tempi complessivi. Prendi il cronoprogramma come una linea guida e non fissarti.

Altra cosa importante è che, durante l’esecuzione dei lavori, è importante effettuare regolari ispezioni in cantiere per verificare la qualità del lavoro svolto. Questo può includere la verifica della corretta installazione degli impianti, la valutazione della qualità dei materiali utilizzati e la verifica dell’aderenza alle normative e ai regolamenti locali. Ad esempio, se si sta ristrutturando il bagno, si può verificare che i sanitari siano installati correttamente e che le tubature siano sigillate in modo adeguato.

Ma oggettivamente tu non hai le competenze per farlo: per questo dovresti incaricare un tecnico esperto di fare la direzione lavori (attività che principalmente si esplica nel controllo della corretta esecuzione dei lavori) e concordare con lui alcuni sopralluoghi regolari (una volta a settimana potrebbe bastare) al fine di verificare come stanno venendo i lavori ed eventuali problemi.

Attenzione però: non in cantiere ci sono delle precise gerarchie da rispettare e non scavallare le proprie competenze è importante per non essere da intralcio ai lavori. Si tratta di una cosa che tendono a fare molti proprietari di casa. Ho scritto un articolo in cui ti spiego queste cose: i ruoli nel tuo cantiere di ristrutturazione.

Gestione delle pratiche burocratiche

Architetto che prepara le pratiche edilizie per la ristrutturazione di una casa

La burocrazia non manca mai in Italia!. E la corretta gestione delle pratiche burocratiche è un aspetto che non può essere trascurato durante la ristrutturazione di una casa. È necessario essere a conoscenza dei permessi e delle autorizzazioni richieste e assicurarsi di ottenere tutti i documenti necessari prima di iniziare i lavori.

Organizzare e gestire le pratiche burocratiche durante la ristrutturazione richiede tempo e attenzione ai dettagli. Ad esempio, potrebbe essere necessario presentare una richiesta di permesso di costruzione presso l’ufficio edilizio locale o ottenere una licenza per lavori strutturali. È importante essere preparati e fornire tutte le documentazioni richieste per evitare ritardi nel processo di approvazione.

La gestione delle pratiche burocratiche comprende anche la conformità alle norme e ai regolamenti locali. Ad esempio, se si sta ristrutturando una casa in un quartiere storico, potrebbe essere necessario seguire determinate linee guida per mantenere lo stile architettonico originale. È importante essere consapevoli delle restrizioni e delle normative locali per evitare sanzioni o problemi legali durante il progetto di ristrutturazione.

Ma non è certo compito tuo occuparti della burocrazia. O almeno lo è solo in parte. Infatti ogni pratica edilizia viene presentata a nome di chi ha diritti reali sull’immobile: se la casa è di tua proprietà i diritti reali ce li hai tu, quindi la pratica edilizia viene presentata a nome tuo (e la firmi tu).

Ma, come abbiamo appena detto, nella pratica edilizia vanno evidenziati molti aspetti tecnici (il principale è il progetto che si deve realizzare) e quindi servirà per forza un tecnico abilitato che deve predisporre il tutto e asseverare “alcune” cose (tra virgolette perché a seconda delle pratiche edilizie potrebbero essere molte cose). E solitamente il tecnico si occupa di compilare tutto e tu devi solo firmare.

Certo, sarebbe utile sapere, almeno a grandi linee, cosa stai firmando. E poi sarebbe utile che tu conoscessi (sempre a grandi linee) come funzionano le pratiche edilizie in Italia e quali potrebbero essere necessarie per la tua ristrutturazione.

Se vuoi approfondire un pi’, puoi leggere qualcosa in uno dei miei molti articoli dedicati all’argomento: Guida alle pratiche edilizie per ristrutturare casa.

Scelta dei materiali e delle finiture

Coppia che scegliere le piastrelle per la ristrutturazione della casa

La scelta dei materiali e delle finiture è un aspetto cruciale della ristrutturazione di una casa. Oltre a definire lo stile e l’aspetto estetico della casa, i materiali e le finiture devono essere selezionati anche in base alla durabilità, all’efficienza energetica e all’adattabilità.

Ristrutturazione

Esistono infinite opzioni di materiali e finiture disponibili sul mercato. Ad esempio, per i pavimenti, è possibile scegliere tra legno, ceramica, laminato, vinile, pietra, etc.. Ogni materiale ha le sue caratteristiche tecniche, estetiche, i suoi pro e i suoi contro. Ad esempio, il legno offre un aspetto caldo e naturale, mentre la ceramica è resistente e facile da pulire. E naturalmente hanno i loro costi. Quale scegliere? Ti devi basare sull’estetica, sul budget, sulle caratteristiche tecniche o su tutti questi elementi insieme?

Si tratta di una delle domande più importanti che ogni proprietario si pone durante la ristrutturazione della casa. Sicuramente il budget è spesso l’ago della bilancia, ma sicuramente le tendenze del design d’interni possono anche influenzare le scelte dei materiali e delle finiture. Attualmente il design sta spingendo la tendenza a optare per materiali sostenibili e ecologici, ma si tratta di materiali mediamente più costosi e non sono ancora molte le persone che hanno sensibilità in tal senso.

Io non parlo mai di design ed estetica, in ogni caso devi aver chiaro quali sono le tue preferenze personali e quali sono le tendenze attuali (questo banalmente perché determinano la scelta di materiali tra cui potrai optare…) per creare uno spazio che rispecchi il tuo stile e la tua personalità. E che ti consenta di rispettare il tuo budget.

Gestione del budget e degli incentivi fiscali

coppia preoccupata per il costo della ristrutturazione della casa

Proprio parlando di budget, la sua gestione è un aspetto fondamentale di ogni progetto di ristrutturazione di una casa. È vitale pianificare attentamente da subito le tue disponibilità finanziarie e valutare eventuali opzioni di finanziamento disponibili. Ad esempio, è possibile optare per un prestito personale o un mutuo per coprire i costi della ristrutturazione.

Ma per sapere se i soldi ti bastano o se dovrai chiedere un prestito, devi prima di tutto capire qual è il budget di cui hai bisogno per la tua ristrutturazione. Per farlo è fondamentale considerare tutti i costi coinvolti nella ristrutturazione: non solo quelli per relizzare i lavori (quindi materiali e manodopera), ma anche quelli di progettazione e le tasse e le imposte. È anche importante tenere conto dei costi imprevisti che potrebbero verificarsi durante l’esecuzione dei lavori. Ad esempio, potrebbe essere necessario sostituire una tubatura danneggiata o risolvere un problema strutturale imprevisto.

Ma una volta che sai quali sono tutti i costi che dovrai affrontare…come fai a quantificarli correttamente? Già perchè una cosa è dire “devo sostituire gli infissi” e un’altra è dire “il costo corretto degli infissi è …..”.

Te lo dico per esperienza personale: i proprietari di casa non hanno idea di quali sono i reali costi di ristrutturazione. Hanno quasi sempre idee molto al di sotto del reale costo di ristrutturazione e quando si scontrano con la realtà dei fatti possono fare solo due cose: o aumentano il budget (con la bocca storta) o tagliano lavori.

In molti provano a capirlo chiedendo improbabili preventivi ad imprese, senza avere un progetto reale o delle vere idee su quali siano i lavori necessari da fare. E le imprese sparano sempre costi a caso. Per aiutarti ho messo a punto uno strumento che, solo sulla base della posizione dell’immobile e la sua superficie, ti da una stima completa del costo di ristrutturazione. Ci metti due minuti e i valori che escono sono assolutamente realistici (testato da committenti, imprese e tecnici su migliaia di ristrutturazioni). Non precisissimi (senza progetto è impossibile) ma molto realistici. Questo strumento si chiama Budget Simulator e puoi averlo con il manuale “Ristruttura la tua casa in 7 passi” che trovi qui:

Ma quando si pianifica il budget devi farlo tenendo conto degli incentivi fiscali e delle agevolazioni per i lavori di ristrutturazione. In Italia abbiamo ben 9 diverse detrazioni fiscali per la ristrutturazione (anche se sono 2 quelle più utilizzate) e un regime iva agevolato. È importante informarsi sulle possibilità di risparmio fiscale e sfruttare al meglio le opportunità disponibili, per questo ho scritto vari articoli sull’argomento:

Questi sono solo alcuni degli articoli che puoi trovare all’interno del sito, ma ti danno una base di informazioni sufficienti per la tua ristrutturazione.

Lo sai che il Budget Simulator simula anche le detrazioni fiscali di cui puoi usufruire con la tua ristrutturazione?

Come non perdere le redini della ristrutturazione di una casa

Coppia orgogliosa della ristrutturazione della loro casa

In questo articolo abbiamo visto quali sono le fasi che coinvolgono la ristrutturazione di una casa. E come ti sarai accorto non sono banali nè semplici da gestire senza un’adeguata preparazione.

Eppure se non ti formi potresti incappare in alcuni errori comuni che è importante evitare (il condizionale l’ho messo per bellezza…senza preparazione ci incapperai sicuramente). Il principale è sicuramente sottostimare i tempi e i costi necessari per completare il progetto. È fondamentale fare una pianificazione accurata e tenere conto di tutti gli aspetti del progetto per evitare sorprese finanziarie o ritardi imprevisti. Una comunicazione chiara e aperta con i professionisti coinvolti è essenziale per evitare problemi e garantire una buona esecuzione dei lavori.

Ma quello che io ritengo l’errore più grandi e che ho avuto la dimostrazione essere la causa di tutti i problemi delle ristrutturazioni è la mancanza di una pianificazione dettagliata, corretta e realistica. Non ho messo a caso questi tre aggettivi: sono tutti fondamentali, tre gambe su cui si deve appoggiare la pianificazione della tua ristrutturazione. Se togli una ruota ad un Ape Car quello non è stabile e non può procedere. Se togli una delle tre gambe della pianificazione avrai lo stesso risultato. È importante avere un piano chiaro delle attività da svolgere e delle tempistiche previste per ciascuna fase.

La pianificazione non è una cosa che si improvvisa: devi trovare le giuste informazioni e creare la tua pianificazione. Ti assicuro che in rete trovi tutto quello che ti serve per pianificare correttamente la tua ristrutturazione. Molte informazioni le trovi anche tra gli articoli del mio blog. Ma il problema è che sono frammenti che devi scremare (ci sono un sacco di sciocchezze in giro) e assemblare per arrivare a fare una pianificazione efficace. E sarà un lavoro lungo…

Se vuoi avere una pianificazione testata su centinaia di ristrutturazioni, che ti dice quello che è realmente necessario fare e che rimuove il rumore di tutte le ca***te inutili, ho raccolto tutto nel manuale “Ristruttura la tua casa in 7 assi”. Dove non trovi solo la pianificazione (che è la fase 1), ma anche la gestione di progetto, impresa, pratiche edilizie, lavori…e ancora guide sulle detrazioni fiscali, contrattualistica e modulistica, fogli excel. Oltre ad un planner completo (in excel) editabile che ti guida attraverso tutta la ristrutturazione.

Se ti può interessare trovi tutte le informazioni qui:

La ristrutturazione di una casa richiede una pianificazione adeguata e un’attenta esecuzione dei lavori per ottenere risultati soddisfacenti. La pianificazione accurata dei lavori, la selezione dei materiali e dei professionisti giusti, nonché la gestione del budget e delle pratiche burocratiche, sono fondamentali per il successo del progetto. Evitare gli errori comuni e mantenere una comunicazione chiara con i professionisti coinvolti sono fondamentali per contribuire a garantire una ristrutturazione senza intoppi e una casa che rispecchi il tuo stile e personalità. Impara questo e sei al 90% della tua ristrutturazione prima ancora di iniziare.

7 errori della ristrutturazione

ristruttura la tua casa in 7 passi

Il manuale che ti spiega nel dettaglio l'unico processo di ristrutturazione corretto e come metterlo in pratica passo-passo per ottenere la ristrutturazione perfetta per casa tua, controllare i costi, evitare fregature.
Il più completo

Procedure per le ristrutturazioni edilizie residenziali

Sei un professionista o un'impresa? Acquista subito il mio libro sui procedimenti edilizi per gestire correttamente le ristrutturazioni di case e appartamenti.
Su Amazon

Ultimi articoli:

Ti è piacciuto questo articolo? Lasciami un like o condividilo →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Processing...

Vuoi evitare gli errori di chi ristruttura casa?

Guida gratuita: i 7 errori della ristrutturazione

i 7 errori mockup
Compila il form e scarica la guida

...prima di andartene

Ti interessa un libro che ti spieghi come pianificare e gestire la tua ristrutturazione?

Ristrutturazione Roadmap

Le indicazioni passo-passo per la ristrutturazione di casa tua

Lo trovi su Amazon